Moda piccante

L’ortica, una delle prime piante che da bambini impariamo a riconoscere grazie alle sue malefiche punture, si scopre dotata di mille qualità. Che cosa ne pensate, ad esempio di un vestito fatto con fibre di ortica? Sembra l’ultima trovata di un green freak. Niente di più diverso. Le fibre di ortica sono state utilizzate fin dall’antichità. Quasi scomparse nel corso del XX secolo stanno ora riconquistando il palcoscenico per le interessanti caratteristiche sia dal punto di vista della coltivazione, davvero a basso impatto, che per la qualità del tessuto. Un filato sottile, flessibile e resistente adatto a tutte le stagioni a seconda del tipo di lavorazione. La sua particolarità è la struttura cava, con sottile strato d’aria all’interno, dello stelo. Una filatura molto stretta la rende morbida come il cotone e traspirante come il lino; una più morbida consente di proteggere dal freddo come la lana. Un vero tessuto per tutte le stagioni, adatto sia in caso di caldo che di freddo.. Gli steli devono essere privati delle foglie, seccati e schiacciati prima di essere filati come fibbre di cotone. La differenza: l’ortica ha bisogno di pochissima acqua e cresce in qualsiasi condizione. Morbida, forte, leggera e bassissimo impatto diventerà il filato del XXI secolo?

2 Commenti

  1. Anonimo

    incredibile! Vestirsi d’ortiche, senza pungersi :) , credo davvero sia una sogno! Le ho sempre evitate, e usate da bambina come arma per difendermi. Una nostra baby sitter africana che non le conosceva ne aveva paura, e non voleva piu’ andare in orto dopo che era stata punta, le temeva tantissimo. Ora le rispetterò di piu ‘ e chissà, magari presto riuscirò a farmi una maglia con le enormi ortiche che crescono in giardino- magari se sai come essicarle ci provo- grazie sa.

    • E’ una pianta dalle mille sorprese. In primavera vi sorprenderò con idee “coltiva, cucina, conserva” e … usa anche come insetticida! Per come utilizzarle in tessitura… mi dispiace, non riesco ad aiutarti, ma mi guardo in giro.

Lascia un Commento