Lasciarsi infinocchiare

L’espressione “lasciarsi infinocchiare” deriva dall’abitudine degli osti dell’antichità di utilizzare il finocchio per mascherare il sapore del vino scadente. Il finocchio, quello selvatico in particolare, contiene oli essenziali dal sapore molto intenso usati, insieme ad altre piante aromatiche, per conservare e insaporire la carne di scarsa qualità o non più fresca. specie quella di maiale ed i salumi da essa prodotti. Nelle osterie venivano offerti spicchi di finocchio, fette di salame al finocchio o pane al finocchio, per confondere il gusto e mascherare la bassa qualità dei vini, anche quello pronto a trasformarsi in aceto. Tra i salumi una citazione particolare alla “Finocchiona”, la regina degli insaccati toscani.

Lascia un Commento